Punto d’oro per la Mariglianese al Vicino, i biancazzurri fermano il Gravina

0
280

Partita dal coefficiente di difficoltà altissimo, pugliesi a caccia di punti playoff e campani in cerca di risultato per tirarsi fuori dalla lotta playout

A bocce ferme si può tranquillamente considerare un punto d’oro quello guadagnato dalla Mariglianese in trasferta al Vicino. Analizzando il match, probabilmente, è un punto che va anche stretto agli uomini di Mr.Sanchez.

Andare ospiti al Vicino di Gravina, in questa fase della stagione ed in queste condizioni di classifica, non era certo la cosa più auspicabile.  Esposito e compagni, però, hanno saputo farsi valere strappando un punto ai padroni di casa.
Il Gravina aveva bisogno di una vittoria per agganciare il treno che vale i playoff, la Mariglianese doveva provare a fare punti per non affondare nelle sabbie mobili dei playout. Un punto a testa che serve certamente di più ai biancazzurri, visti anche i risultati delle dirette rivali nella corsa salvezza.


La partita

Partita in sostanziale equilibrio per i primi 10 minuti con le formazioni dedite allo studio dell’avversario.
Il primo squillo di tromba arriva al 10′ con la Mariglianese pericolosa in area avversaria, gli avanti biancazzurri non riescono a sfruttare l’assistenza di Micillo.

Cinque minuti più tardi è il Gravina a farsi pericoloso con Diop, il tiro dell’attaccante di casa finisce alto sopra la trasversale.
Al 17′ è Palumbo ad avere l’occasione per andare in vantaggio, il suo colpo di testa finisce di poco alto.
Al 30′ l’occasione più ghiotta per il Gravina, prima Tommasone e poi Chacon, non trovano la deviazione vincente.
L’ultima vera occasione del primo tempo capita sul piede di Langella. Il play biancazzurro riceve assistenza in verticale da Faiello che lo sistema al tiro davanti alla porta, la battuta di Langella si spegne sull’incrocio dei pali. Null’altro da  annotare fino al fischio finale della prima frazione.

Nel secondo tempo è il Gravina a prendere in mano il pallino del gioco, la Mariglianese si affida ad una ritrovata solidità difensiva e ad un offensiva fatta di ripartenze.

Al 47′ è ancora Diop ad impensierire la retroguardia di Sanchez, il tiro dell’attaccante è neutralizzato da un efficace intervento di Maione.
La difesa biancazzurra tiene ed il Gravina non trova spazi. Bisogna attendere il 60′ per una ulteriore azione pericolosa. Modugno trova lo spazio per battere a rete e, a Maione battuto, la traversa salva la Mariglianese dalla capitolazione.

Anche nella seconda frazione l’onere e l’onore dell’ultima azione tocca ai biancazzurri. Palumbo ha l’occasione di regalare i 3 punti a Sanchez ed ai tifosi biancazzurri, ma nonostante due tentativi di battuta a rete non riesce a sbloccare il risultato.

Si chiude il match dopo 3 minuti di recupero con la Mariglianese che guarda al bicchiere mezzo pieno, considerata la sconfitta del San Giorgio a Molfetta ed il pareggio tra Altamura e Brindisi.

Prossimo appuntamento per Sanchez ed i suoi, al Santa Maria contro la capolista Cerignola.


Comments are closed.