Serie A

Serie A, atteso oggi il parere del Comitato Tecnico Scientifico sugli allenamenti di squadra

0
474
Scenari positivi parrebbero potersi aprire sul prosieguo della stagione di Serie A. Il Comitato tecnico – scientifico è pronto a dare il suo ok agli allenamenti di squadra

Dal prossimo 18 Maggio, la Serie A potrebbe tornare di nuovo a vivere una condizione di normalità, o quasi. Il Comitato tecnico – scientifico allestito dal Governo potrebbe infatti dare, quest’oggi, il proprio nulla osta agli allenamenti collettivi a partire dalla seconda metà del mese. Dopo una prima fase di apertura, il mondo del calcio (ed in generale, quello degli gli sport di squadra), per il quale sono state consentite sedute di training individuale dal 4 Maggio, potrà vedere i gruppi ricompattati in vista della ripresa del campionato. Il tutto passerà da una nuova serie di test che le compagini dovranno eseguire sui propri tesserati. Solo in caso di totale negatività di tecnici, calciatori e staff, sarà poi possibile avviare un mini ritiro di due/tre settimane.

Da allora, tutte le formazioni vivranno in una sorta di isolamento forzato fino al riavvio della Serie A, che dovrebbe essere fissato per il prossimo 14 Giugno. Ancora non note le prescrizioni che saranno date in caso di riscontro di una nuova positività. Difficile, comunque, che possa essere accolto il “Modello Bundesliga“. Non accettabile, sarebbe infatti per il Comitato una eventuale prosecuzione del campionato qualora dovesse essere accertato un nuovo contagio di un calciatore. In questa ipotesi, a differenza della massima serie tedesca, almeno i compagni di squadra del tesserato risultato positivo, oltre allo staff, dovrebbero rispettare la quarantena. Una misura prudenziale, quest’ultima, che pone però seri interrogativi sul futuro della stagione. Che senso avrà riprendere, se si dovesse essere poi costretti a stoppare nuovamente tutto? Ai posteri, l’ardua sentenza.



Comments are closed.