Serie A

Serie A, si può ripartire: dalla prossima settimana, 7 squadre potrebbero tornare ad allenarsi

0
425
Segnali di apertura sia dal mondo istituzionale sia da quello scientifico sulla possibile ripartenza della Serie A. Le ordinanze regionali potrebbero consentire la ripresa ad alcune squadre già dalla prossima settimana

La Serie A vuole, in maniera unanime, portare a conclusione il campionato 19/20. È ciò che è emerso dalla riunione di Lega di quest’oggi, in cui si è varato un nuovo protocollo, stavolta diretto a regolare alcuni aspetti logistici. Si tratta nella specifico delle indicazione volte a disciplinare l’accesso agli stadi, la sanificazione degli impianti ed i rapporti con le emittenti televisive all’interno degli impianti. Previste anche puntuali indicazioni sui viaggi e gli spostamenti per garantire sicurezza a calciatori e staff. Il nuovo vademecum non è tuttavia l’unico segnale positivo in vista del possibile ritorno in campo. Oggi, infatti, diversi Presidenti di Regione hanno aperto alla possibilità che si svolgano allenamenti individuali anche degli atleti impegnati in discipline di squadra.

EMILIA, LAZIO E CAMPANIA CONSENTONO IL RITORNO IN CAMPO

Stamane, il primo Governatore a consentire la ripresa degli allenamenti anche nelle discipline di squadra è stato Stefano Bonaccini. Il Presidente della Regione Emilia Romagna permetterà, da Lunedì 4 Maggio, le sedute individuali di allenamento di atleti professionisti e non professionisti coinvolti anche in sport di squadra, seppur solo all’interno di centri sportivi a porte chiuse. Da ciò, deriverà la chiara possibilità per Sassuolo, Bologna, Spal e Parma di riprendere le proprie attività, anche se con i calciatori tenuti a distanza e senza assembramenti. Sulla stessa linea, pare volersi schierare la Regione Lazio, che potrebbe così permettere il ritorno in campo di Lazio e Roma a partire dalla prossima settimana. Non dissimile la posizione del Governatore della Campania Vincenzo De Luca, che nella diretta Facebook di quest’oggi ha annunciato di aver ricevuto una richiesta in tal senso da parte del Napoli di Aurelio De Laurentiis.


INTERVIENE ANCHE IL DOTT. PAOLO ASCIERTO

Indicazioni di speranza per il calcio sono arrivate anche dal mondo scientifico. A parlare di una possibile ripartenza del campionato di Serie A è stato infatti, quest’oggi, il Prof. Paolo Ascierto, oncologo campano simbolo della lotta al Coronavirus. Il medico dell’Istituto Pascale si è detto favorevole ad una ripresa, seppur con le dovute precauzioni. Queste le sue dichiarazioni:

“Se i giocatori vengono tamponati ogni settimana – così so se c’è una persona infetta e la isolo – considerando che non c’è distanziamento fisico, le possibilità di contagio sono minori. In queste condizioni si può pensare che, con numeri ancora più bassi, si possa riaprire il calcio a porte chiuse. Ci vuole grande organizzazione. Se è fattibile o meno dipende da come si metterà il virus, ma da qui si può ripartire. Se i calciatori non vengono messi in sicurezza e con loro tutti gli operatori, non ci sono le condizioni.”


Comments are closed.