Serie A

Serie A, i club sono pronti a richiamare gli stranieri. Ripresa degli allenamenti dopo Pasqua?

0
736
Nei giorni scorsi, i club della Serie A hanno lasciato andare i propri calciatori stranieri, rendendoli liberi di raggiungere le proprie famiglie. Ora sono pronti a richiamarli in vista della ripresa degli allenamenti

La ripresa delle attività sportive pare essere sempre più vicina. A testimoniarlo ci sono anche le società di Serie A, che appaiono ormai pronte a richiamare i propri tesserati in vista della ripartenza degli allenamenti. Ci sono infatti possibilità che questo primo passo verso il ritorno alla normalità possa essere compiuto già dopo il 13 Aprile, data al momento fissata come deadline del lockdown imposto dal Governo. Tale ipotesi pare avallata anche dalle parole proferite nei giorni scorsi dal Ministro Vincenzo Spadafora. Il membro dell’Esecutivo si era mostrato quantomeno possibilista circa il mancato rinnovo dello stop alle attività di allenamento individuale e collettivo nel periodo post-pasquale. Ciò sarebbe confermato anche da un appuntamento che Spadafora e Gravina si sarebbero dati al prossimo Venerdì per verificare il da farsi.

Se l’andamento dell’epidemia dovesse essere confermato, nei prossimi giorni ci potrebbero dunque essere serie chances di ripartenza. Ovviamente, il tutto avverrebbe con gradualità e con l’utilizzo di tutte le precauzioni necessarie. A tal proposito, la FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana) ha già fatto sapere di aver pronto un protocollo sanitario che le squadre sarebbero chiamate a rispettare per riprendere in tutta sicurezza gli allenamenti. I calciatori dovrebbero infatti sottoporsi a nuovi test di idoneità fisica, che saranno calibrati a seconda della riscontrata positività o meno al Coronavirus. Le attività di training verrebbero poi riprese con la suddivisione della rosa in gruppi, al fine di evitare qualsiasi forma di assembramento.


Ci si prepara, quindi, ad un graduale ritorno alla normalità nel mondo del calcio. Tra circa 10 giorni, tutti i 20 club della massima serie potrebbero infatti radunarsi richiamando tutti i propri tesserati, specie gli stranieri, lasciati in questo periodo liberi di tornare nei propri paesi d’origine.


Comments are closed.