Spadafora

Parla il Ministro Spadafora: “400 milioni alle attività di base ed al dilettantismo”

0
552
Il Ministro dello Sport e delle Politiche giovanili Vincenzo Spadafora ha parlato, questa mattina, sulle pagine de “La Repubblica”, degli aiuti che destinerà allo sport di base ed al dilettantismo

Importanti segnali arrivano dal Governo anche per quanto riguarda il mondo dello sport. Stamane, il Ministro Spadafora è infatti tornato a parlare delle misure che saranno messe in campo per tutelare le tante società operanti in ambito sportivo. Il membro dell’Esecutivo si è concentrato sia sul mondo del professionismo sia su quello del dilettantismo nell’intervista rilasciata al quotidiano “La Repubblica“. Pronta la proposta di sospendere tutte le attività, comprese quelle di allenamento, durante tutto il mese di Aprile. Irrealistica dunque, secondo quanto dichiarato dallo stesso Spadafora, l’ipotesi di tornare in campo già il 3 Maggio. Promesse, inoltre, anche importanti misure di sostegno per lo sport di base ed il dilettantismo. Sono infatti in arrivo circa 400 milioni da destinare a tutte le associazioni sportive operanti sui territori.

Queste le parole del Ministro:


Penso ai nostri ragazzi abituati a stringersi, abbracciarsi, passarsi la bottiglietta d’acqua: tutto questo mancherà per molto tempo. Riprendere le partite il 3 Maggio è irrealistico. Domani proporrò di prorogare per tutto il mese di Aprile il blocco dei tutte le competizioni sportive di ogni ordine e grado. Estenderò la misura agli allenamenti, sui quali non siamo intervenuti prima perchè vi era ancora la possibilità che si svolgessero le Olimpiadi. Lo sport non è solo il calcio, comunque, e il calcio non è solo la Serie A. Destinerò un piano straordinario di 400 milioni allo sport di base ed alle associazioni dilettantistiche operanti sui territori. Un tessuto, quest’ultimo, che, sono certo, sarà il motore della rinascita. Dal calcio di Serie A mi aspetto invece che vi sia una seria volontà di cambiamento. Il mondo del calcio professionistico vive in una bolla. Devono capire che niente, dopo questa crisi, potrà più essere lo stesso.

 


Comments are closed.