Afragolese

Afragolese, parla Gaetano Acri: “I calciatori sono dipendenti. Vanno tutelati!”

0
2629
Ancora una voce vicina all’Afragolese pare sposare l’idea di concludere regolarmente i campionati. Stavolta, a parlare è stato Gaetano Acri, imprenditore da sempre al fianco dei rossoblu

L’Afragolese vuole fermamente tornare a giocare appena sarà possibile. È questa la volontà che emerge sia dalle dichiarazioni dei vertici societari sia da quelle dei calciatori, ed in particolare da quella del capitano Flavio Marzullo. All’idea comune dei rappresentanti del sodalizio rossoblu si è associato anche l’imprenditore Gaetano Acri, da sempre vicino alla società del Presidente Raffaele Niutta. Lo stesso Acri ha infatti dichiarato:

“Giusto che si tengano allineate le risorse e le finanze della società. Condivido pienamente le parole di Niutta. I calciatori rappresentano l’ossatura della squadra e li dobbiamo ritenere dei dipendenti. A fine mese non gli si deve far mancare lo stipendio. Questo vale sia per gli attori principali sia per chi è dietro le quinte, che comunque con il proprio lavoro contribuisce al risultato finale. In questo momento tragico dove ci sono lutti e crisi economica, la società farà e deve fare di tutto  per soddisfare gli impegni presi sia con la tifoseria e sia con i calciatori e lo staff”


Comments are closed.