Riqualificazione impianti sportivi: un club storico torna a casa

0
713
Completata l’opera di riqualificazione dello Stadio Alberto De Cristofaro di Giugliano. Domenica prossima, i gialloblù torneranno a casa

La scorsa settimana è arrivato il via libera dall’amministrazione comunale: il Giugliano potrà tornare a giocare al De Cristofaro. L’impianto ha infatti ottenuto la tanto attesa agibilità e Domenica tornerà ad ospitare una partita di calcio. L’ultimo incontro si era disputato nell’Aprile 2013, quando lo stadio aveva chiuso momentaneamente i battenti. Ora, dopo 7 anni ed un’opera di riqualificazione costata oltre 1 milione di euro, il pallone tornerà a rotolare sul manto erboso di quella che è stata e che sempre sarà la vera casa delle Tigri gialloblù.

La nuova partita inaugurale sarà quella che vedrà opposta la formazione allenata da Mister Agovino al Marsala. L’incontro si terrà la prossima Domenica alle ore 14 e 30 e sarà valido per la 20esima giornata del campionato di Serie D. Per l’occasione saranno messi in vendita 3 mila biglietti per i supporters giuglianesi, a cui si aggiungeranno i 500 riservati alla tifoseria ospite. Il costo dei tagliandi varierà dai 10 € per la tribuna scoperta ai 15 € per quella coperta.


GLI INTERVENTI REALIZZATI E QUELLI ANCORA IN PROGRAMMA

I lavori di ristrutturazione hanno riguardato in particolar modo il terreno di gioco, ora in erba sintetica, la tribuna centrale coperta ed il settore ospiti, messo in sicurezza con l’utilizzo di una rete protettiva. L’impianto è stato ora dato in concessione temporanea al sodalizio guidato dal presidente Luigi Sestile e vedrà la realizzazioni di ulteriori interventi già programmati. Il Comune ha infatti già stanziato 1 milione e 400 mila euro per la costruzione di una curva da 2 mila posti a sedere, per il potenziamento dell’impianto di illuminazione e per il rifacimento della pista di atletica, già in parte ripristinata. L’opera ha così, di fatto, ripreso vita e promette di regalare pagine indimenticabili di sport alla città di Giugliano.


Comments are closed.