Afragolese corsara a Mondragone. Vittoria sofferta ma pur sempre vittoria

0
414
Partita più difficile del previsto per l’Afragolese in quel di Mondragone. I rossoblù si sono imposti per 2-1, rischiando di non portare a casa il successo

Sanno soffrire conservando comunque il risultato. Sanno comprendere i momenti di difficoltà ed affrontarli con la giusta umiltà. Sono capaci di correre e lottare, quando ambiente, campo ed infortuni ti si mettono contro. Sono le grandi squadre, quelle che con grinta e determinazione non lasciano nulla pur non meritando a pieno. Oggi l’Afragolese lo ha fatto, dimostrando maturità e compattezza anche in condizioni avverse. Una vittoria che vale doppio, dopo una partita in cui c’è stato da lottare su ogni pallone. Mancavano in tanti, ma le assenze non sono bastate per abbattere una compagine che appare, dopo quest’oggi, davvero ancora più granitica.

CAMPO DIFFICILE, INFORTUNI ED ASSENZE

Tante le attenuanti da poter concedere all’Afragolese vista a Mondragone questo pomeriggio. Si parte da due assenze a centrocampo davvero pesanti. Mancavano infatti Ausiello e Santonicola, apparsi indispensabili in avvio di stagione nel ruolo di mezze ali accanto al regista di turno. A complicare le cose c’è stato inoltre anche l’infortunio occorso nella ripresa a Dino Fava, autore della rete del vantaggio su calcio di rigore. Assenti poi anche Murolo e Manzo nel reparto offensivo.


Anche il campo in condizioni tutt’altro che ideali non ha agevolato i rossoblù. Il terreno del Conte è apparso infatti irregolare e non di certo capace di favorire il gioco palla a terra della formazione di Masecchia. Nonostante ciò, l’Afragolese non si è fatta pregare ed è passata in vantaggio dopo appena 13′ di gioco con la rete su calcio di rigore di Dino Fava, replicata 15 minuti dopo dalla zampata di Nocerino arrivata dagli sviluppi di un corner. La rete del Mondragone siglata da Baratto al 32′ ha poi complicato decisamente le cose. Tuttavia, l’attuale capolista del Girone A ha saputo soffrire nel secondo tempo, portando a casa il risultato nonostante due legni colpiti dai padroni di casa con uno straordinario Pagliuca.

AVVERSARIO OSTICO

La vittoria di Mondragone è in ogni caso un successo importante, data la caratura dell’avversario. Gli uomini di Carannante sono infatti apparsi come parte di una formazione decisamente compatta, dai valori tecnici davvero notevoli. Spiccano su tutte le qualità del giovane esterno offensivo Felleca, la caparbietà dei due esperti attaccanti Pagliuca e Pastore oltre a quella del capitano e leader della difesa, Giovanni Baratto.

C’è da fare dunque, in ogni caso, i complimenti a questa Afragolese, in testa a punteggio pieno nel Girone A di Eccellenza. Dopo 4 giornate, ottimi anche i numeri della squadra di Masecchia, capace di mettere a segno 9 reti in 4 partite, subendone appena 2. Espugnati due campi, quelli di Mondragone e Pozzuoli, sui quali, siamo sicuri, faticheranno tutti. Mostrata qualità, compattezza ed intraprendenza, carratteristiche che potrebbero assicurare, alla lunga, il titolo.


Comments are closed.