KARTING: IL METEO E LA SORTE NON AIUTANO CAPUANO AD ADRIA

0
1280

Un week end che definirlo sfortunato sembrerebbe quasi riduttivo.
Sul tracciato di Adria di scena il quarto round del Campionato Italiano Karting.

Giuseppe Capuano, il giovanissimo pilota napoletano, da Frattamaggiore, ha dimostrato sin dall’avvio di poter lottare con i primi.
Nel pacchetto di piloti Under 10, Capuano è stato sempre nei primi tre, in classifica assoluta, dopo le cronometrate del venerdì, per lui il settimo tempo assoluto.


Oltre 70 i piloti al via nella classe 60 Mini, la più giovane espressione del motorsport nazionale.
Dopo aver indossato la tuta bianco verde della Tony Kart, con la guida del team Gamoto, Capuano ha fatto un vero e proprio balzo in avanti.

Il format gara del Campionato tricolore prevede le prove cronometrate nella giornata del venerdì. Dal risultato delle crono si disegnano in gruppi che si sfidano nelle manche del sabato, propedeutiche al disegno della griglia di partenza per le finali della domenica. Dai 70 e più piloti in categoria, bisogna completare 34 caselle in griglia passando attraverso una serie di sfide in pista.
28 piazzole sono assegnate dai risultati delle manche, per tutti gli altri c’è un ultima possibilità di entrare in finale attraverso una gara secca di ripescaggio.

Settimo assoluto nelle cronometrate significa essere nel pacchetto di testa. Avere la possibilità di giocarsela per la vittoria o, comunque, per il podio. Nella prima manche una quarta posizione che sa di conquista per come arriva. Dopo l’infernale della notte con pioggia e vento che mettono a rischio il prosieguo dell’evento, tutti i dati raccolti sino a quel punto sono azzerati. In manche 2 e 3, però, ci si mette di mezzo la sfortuna. Due problemi meccanici hanno impedito lo start al giovane Capuano che, nella classifica delle manche, sfila in fondo al gruppo.

Bisogna passare dalla manche di ripescaggio. Sei posti disponibili sui 34 in griglia.
Per Capuano start dalla piazzola 27 e arrivo a 3 decimi dalla sesta posizione. Una rimonta epica, sotto una pioggia battente, che esalta le qualità del giovanissimo pilota ed affascina il pubblico presente.

Nulla di fatto. Si torna a casa senza poter disputare le finali, poco male. L’obiettivo annunciato è accumulare chilometri ed esperienza. L’impressione che abbiamo tutti, però, è che in questo ragazzino ci siano doti fuori dal comune.

Prossimo appuntamento il 1 Settembre a Val Vibrata.


Comments are closed.